Gli ingredienti fondamentali del profumo

orsi-polari-giocano-campi-fioriti-7

Gli ingredienti fondamentali

del profumo

 

Gli ingredienti fondamentali del profumo sono sostanze odorose sintetiche e naturali ricavate da fiori, frutti, spezie, cortecce, resine, foglie, erbe, muschi, bacche, radici, animali (secrezioni ferine), e dalle cosiddette “note gourmand”. Di seguito è presente un elenco degli ingredienti principali o che sono tra i più utilizzati.

Fiori

  • geranio africano, detto anche “becco di cicogna”
  • giacinto
  • gelsomino (usato solo in processi lunghi e complessi, poiché, ad esempio, una tonnellata di fiori di gelsomino dà origine a un solo chilo di olio)
  • giacinto notturno (una delle sostanze odorose più care ottenuta tramite la tecnica dell’enfleurage)
  • lavanda (l’olio eterico più utilizzato nel campo profumiero)
  • mughetto
  • mimosa
  • nerolo (ricavato dai fiori delle arance amare)
  • osmanto
  • rosa (altra base immancabile utilizzata in profumeria)
  • tilia (tiglio)
  • tuberosa
  • viola
  • ylang ylang

 

Frutti 

  • arancia
  • arancia amara
  • bergamotto
  • cocco
  • fragola
  • lampone
  • limetta
  • limone
  • mela verde
  • mirtillo
  • mora
  • pesca
  • pompelmo
  • prugna

Spezie

  • anice
  • olio di corteccia di cannella
  • cardamomo
  • coriandolo
  • noce moscata
  • papavero (del quale vengono usate sia le foglie, sia i petali)
  • pimento (pepe di papavero)
  • rosmarino
  • vaniglia
  • zenzero

Cortecce e resine

  • balsamo di toluolo
  • benzoino o styrax
  • betula pendula (“cuoio di Russia”)
  • ginepro
  • laudano (usato spesso nelle composizioni fougère)
  • legno di cedro
  • legno di rosa
  • legno di sandalo
  • mirra
  • olibano o incenso
  • olio balsamico peruviano
  • opopanax

Foglie, erbe, muschi, bacche, radici

  • alloro
  • cipresso
  • galbano
  • bacche di ginepro
  • malabar e citronella
  • muschio d’albero e quercia (che provoca una reazione di calore e persistenza)
  • patchouli (colonna portante della produzione profumiera)
  • petitgrain (ricavato da ogni parte verde dell’albero dell’arancia amara: foglie, rami e frutti acerbi)
  • radici dell’iris (molto preziose)
  • foglie di tabacco (necessario per note di tabacco autentiche)
  • fava tonka
  • uva moscatella
  • vetiver
  • foglie di violetta

Dagli animali

  • ambra grigia
  • castoreum
  • moschus (uno degli elementi profumieri più antichi; oggi viene prodotto in modo sintetico)
  • zibetto

Note gourmand

  • cioccolato
  • caramello
  • latte
  • mandorla
  • miele
  • zucchero
  • zucchero filato

Questi ingredienti vengono utilizzati in modo consistente a partire dal XXI secolo.

Materie sintetiche

L’elenco è necessariamente incompleto, poiché è quasi impossibile elencare tutte le formule chimiche esistenti:

  • aldeide
  • cumarina
  • eliotropina
  • vanillina
  • maltolo (dolcissimo, caldo, fruttato e simile al caramello)
  • Sostanze odorose sintetiche appartenenti alla classe degli:
    • alcoli (benzilmetilico, cinnamico, decilico, dodecilico, eptilico, fenilbutilico, feniletilico),
    • esteri (acetato, butirrato, propionato, valerianato ecc. di butilfenile, di cinnamile, di cresile, di geranile, di linalile, di ottile),
    • eteri (p-cresol-butilico, p-cresol-metilico, β-naftol-etilico, β-naftol-metilico, ossido di benziletile, ossido di cresile),
    • aldeidi (anisica, benzoica, cinnamica, cumarica, fenilacetica, nonilica, ottilica ecc.),
    • chetoni (benzilidenacetone, pulegone),
    • lattoni,
    • fenoli ecc.

Moschus chetone, moschus xilone e fenoli sostituiscono spesso il moschus animale. Le combinazioni policicliche del moschus sono state definitivamente proibite dal 2005