Pubblicato il

LE SOSTANZE ODOROSE

Gli oli essenziali sono miscele complesse di sostanze volatili e odorose, liquide o solide, prodotte da molte piante e raccolte all’interno delle cellule vegetali sotto forma di minuscole goccioline, dentro cavità rotondeggianti dette vacuoli. Essi sono intimamente connessi con i processi vitali che si svolgono nell’organismo vegetale e si possono localizzare in diverse strutture della pianta, alle quali conferiscono l’odore caratteristico: nelle foglie, negli steli, nei frutti, nella scorza dei medesimi, nei rami, nel legno, nella corteccia, nella resina, nei fiori, nei semi, nella radice, nel rizoma. Attraverso diverse procedure queste miscele di sostanze sono estratte e quindi utilizzate dall’uomo. Per alcune varietà di piante possono essere estratti oli essenziali differenti dal punto di vista qualitativo e quantitativo, da parti diverse della stessa pianta. La quantità essenziale contenuto in una pianta, è di solito molto ridotta, anche inferiore allo 0,001%, ma per altre specie può essere molto abbondante anche il 15% e oltre.

 L’olio essenziale rappresenta per la pianta una sostanza difensiva contro parassiti, insetti, muffe; inoltre svolge funzioni cicatrizzanti e rigenerative nei casi in cui venga intaccato il fusto. L’aroma è anche di aiuto per la riproduzione della pianta, poiché attira gli insetti per l’impollinazione; infine le piante comunicano tra di loro attraverso la diffusione degli oli essenziali.

Gli oli  essenziali  vengono  estratti  dalla pianta per distillazione in corrente di vapore o per spremitura nel caso degli agrumi.  In questo modo si riesce a cogliere e conservare l’essenza pura della pianta. Gli oli essenziali  si rivolgono all’organismo umano nella sua totalità e sono in grado di produrre effetti sul piano fisico, emotivo e mentale. I profumi agiscono sull’ipotalamo e sull’ipofisi, innescando reazioni a cascata sul sistema ormonale e offrendo quindi possibilità terapeutiche di vario tipo. 

Gli oli essenziali sono:        

volatili: nel senso che hanno la capacità di evaporare e diffondersi nell’aria per questo possono essere inalati attraverso le vie respiratorie;

odorosi: nel senso che emanano delle fragranze grazie alle quali il nostro olfatto va a stimolare alcune aree cerebrali ;

oleosi: nel senso che sono liposolubili (che possono sciogliersi nei grassi) e quindi facilmente assorbibili dalla pelle.

Le tante virtù degli oli esplicano un’azione completa sulla persona andando ad agire sulle tre dimensioni corpo, anima, mente:

Corpo: i principi attivi dell’olio essenziale a seconda della proprietà (antisettici, bioattivanti…) vanno ad agire direttamente sul corpo fisico (corpo e organi annessi);

Anima: il profumo con le sue sottili vibrazioni interagisce con il campo magnetico umano allineandone l’energia, inoltre attiva la sfera emozionale;

Mente: calma, tonifica, riequilibra il sistema nervoso.

Non a caso i tre piani dei profumi sono definiti:

Note di testa (arancio, bergamotto, clementina, basilico, citronella, lemongrass, limetta, mandarino, menta, pompelmo, verbena) aiutano a schiarirsi le idee apportando un senso di freschezza alla mente. Tra i profumi sono i più volatili, quindi il loro effetto dura da un minimo di pochi secondi a un massimo di un ora.

Note di cuore (gelsomino, geranio, lavanda, neroli, rosa, ylang ylang, melissa, mirto, salvia, cipresso, rosmarino, timo, finocchio, camomilla, sclera) aiutano ad aprire, sciogliere e rilassare l’anima quando soffre o è in disequilibrio. Sono profumi aspri o dolci che possono rimanere per diverso tempo sulla pelle. La vibrazione che passa è ampia, di quelle che aprono note di base .

Note di base (cedro, abete, calendula, canfora, mirra, incenso, cannella, legno di rosa, ginepro, pino marittimo, pino mugo, sandalo, piuno cembro) aiutano a fortificare, purificare e tonificare la base/il terreno che è il corpo.  Si tratta di profumi caldi e “pesanti” che possono rimanere per qualche giorno sulla pelle. La vibrazione che passa è profonda, di quelle che centrano su se stessi. La maggior parte degli oli di questo gruppo esplica un’azione positiva sui polmoni: una volta diffusi nell’aria la rivitalizzano e la purificano (ad eccezione della rosa e del sandalo) aumentando la capacità respiratoria. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *